Archivio mensile:settembre 2005

Bene, dopo avere scoperto una truffa ai miei danni che molto probabilmente mi costerà una denuncia da parte delle Poste Italiane, posso fare le seguenti considerazioni:

  • Gli americani hanno patate in testa: se c’è scritto 39.90euro perchè me ne addebitano 79.80 (verosimilmente il doppio)?
  • Andare e tornare da Valencia mi costerà meno di quanto mi costa tornare periodicamente a casa mia (quasi quasi faccio la pendolare)
  • Domani io e Briggitta andiamo in gita a Firenze da Sosetta e io non so cosa portarmi dietro
  • In questi giorni non sto facendo proprio un cazzo
  • C’è un personaggio di mia conoscenza a corteggiare una tizia da Maria de Filippi, a testimonianza del fatto che (se non si fosse capito) quello tra Costantino e Alessandra, Giuseppe e Francesca, Cosimo e Gonaria NON è vero amore
  • Miss Italia non è così brutta come Studio Aperto vuole farci credere e il TG5 ce ne dà prova facendoci vedere Edelfa in condizioni migliori di quelle in cui l’abbiamo vista a Salsomaggiore (ma le costerà caro…)
  • Kate Moss non è nè la prima nè l’ultima: è inutile che mi caschiate dal pero
  • A Beautiful è tornata Morgan (la pazza che aveva rapito una delle gemelline, figlie della premiata ditta Ridge & Taylor, facendole una capigliatura identica alla sua: una bimba di 3 anni con un caschetto color Mogano…)

Ormai la mia vena creativa, vittima della siccità, mi obbliga a esprimermi per punti.


[foto di G.Visentini]

Gira che ti rigiro vado a cadere sempre lì. Un luogo desolante ma affascinante in cui scopro la solita cosa (e dunque non scopro proprio nulla).
Essere felici implica un abbassamento dell’ispirazione. Nel mio caso specifico, essere felice implica la trasformazione da persona seria e seriosa quale sono (ehm…) a tremendo pagliaccio. Cioè insomma, divento insulsa. Più del solito.
La sofferenza sta alla base dello slancio artistico. E quindi della vita, quella vera, non quella che si limita a sorpassarci lasciandoci solo un po’ della sua scia ma quella che ci TRAPASSA.
La verità è che non ci soddisfa nemmeno quella felicità che tanto cerchiamo, quel fantasma per il quale viviamo.

Salve, ritorno dall’apnea. E scopro i fatti seguenti:

  • Stefano Bettarini è l’uomo più viscido e malvestito del MAC (Mondo Attualmente Conosciuto)
  • Il nuovo video di Ricky Martin non funziona (la sua LatinoAmericanità non si concilia adeguatamente con il mood R&B che i suoi esimi colleghi ci fanno respirare)
  • Uso a sproposito parole come mood e R&B e le leggo mud e arendbi
  • Il sito prontamente segnalatomi qualche post fa da Diego è fenomenale
  • Tale Diego è da ricovero e ha pure un blog
  • L’espediente "apro un blog così trombo" è la scoperta dell’acqua calda in quanto a innovazione, un fallimento certo in quanto a risultati
  • Vado in Erasmus
  • Il mondo continua a offrire sempre nuove occasioni per morire in maniera rocambolesca
  • Alle prossime elezioni voto il partito dei Pensionati
  • Silvia Toffanin è la raccomandata più idiota che io abbia mai visto
  • Mio cugggino e i suoi colleghi sono in un periodo di fermento artistico e multimediale

E’ stato bello anche per oggi comunicarvi il mio sempre dolcissimo pensiero.

Ok, aggiorno…calma…

Quanto vi invidio…voi che riuscite a fare a meno di me.
Perchè mi sono resa conto, oggi, di dover affrontare
una fatica ben dura nel tenere rapporti.
E’ come fare il giardiniere.
E, notoriamente, io NON ho il pollice verde.
Ma sarebbe vile, sarebbe un arrendersi
(sarebbe da voi) chiudere la porta e dire no.
Anche se ho fallito. Anche se non mi ha visto per come dovevo apparire.
Anche se non si è pentito (come volevo che fosse).
Sarebbe una resa verso il mio ego(centr)ismo proverbiale,
quello che mi vuole prima di tutte.
Ma io mi devo autoeducare, è la mia missione a questo mondo
visto che non ho virtù di sorta.

‘fanculo…domani sarò felice
[e non è un domani indeterminato, è proprio domani]