Archivio mensile:marzo 2010

A quanto pare sono sarda quindi non posso contestare quello che succede in Lombardia, pur essendo residente (e dunque votante) in questa regione del piffero.

Potevate anche avvertire dell’avvenuta secessione, eh.
Sono una che si adegua.
Sto persino imparando a ruttare così magari parlando a rutti ci si capisce.

Dice:

…….

Vabbò, che si fa stasera?

Il modo migliore per farsi odiare da me è sedersi nelle mie vicinanze sul treno delle 7.40 e, dopo essersi muniti dell’odiata free press, mettersi a leggere a squarciagola il proprio oroscopo, quello dei vicini e quello dei propri cari defunti che magari sono all’ascolto.

Ok, forse l’ho fatto anche io nella vita e se non era l’oroscopo magari erano i cazzi miei…
Dovrei iniziare da questa breve analisi il percorso di riavvicinamento alla mia stessa persona.

Perché se contro gli schiamazzi dei vicini di treno si può usare il sempre utile lettore mp3 sparato a palla sul proprio mito del momento, contro se stessi non c’è Marco Mengoni che tenga.